COPYD19. Creativi in quarantena

La creatività è risultata positiva al lockdown senza neppure sottoporsi al tampone.
Aprile 2020 / A.I. Copy - Associazione Italiana Copywriter

Una raccolta di racconti corale. Ottanta penne creative hanno reinterpretato la quarantena con ironia, sentimento e un pizzico si scaramanzia.

La creatività è nemica dello stare in casa, almeno per me. Le mie migliori idee sono sempre arrivate alla guida della mia auto o durante lunghe passeggiate. Per esorcizzare il momento ho scritto Positiva, un piccolo divertissement sugli effetti del lockdown sulla creatività e i rimedi per risollevarle il morale. Un continuo rimpallo fra sintomatologia COVID, misure di prevenzione, vizi e virtù degli italiani in quarantena.

Un breve estratto del racconto

Positiva

La creatività è risultata positiva al lockdown senza neppure sottoporsi al tampone. Le è bastata una rapida anamnesi. Astenia: sei webinar, tre workout, dodici skype call in un solo weekend. Inevitabile vederla poltrire sul divano. Fotofobia: la navigazione continua, nonostante il mouse ormeggiato e il computer pronto all’attracco, ispirata dal canto celeste della soffusa luce blu dello schermo. Sedici ore di ipnosi sbriciolano l’immaginazione come crackers abbandonati in fondo allo zaino. Sindrome da tunnel carpale: pollice opponibile svenduto per un buon indice cliccabile, milioni di anni d’evoluzione compromessi dall’infinito scroll fra complottisti, dopolavoro epidemiologico e meme di chi non governa col favore delle tenebre.

Acquista il libro su Amazon